mail Print page

IWAS Powerchair Hockey World Championship 2018

Fondazione Allianz UMANA MENTE & FIWH

IWAS Powerchair Hockey World Championship 2018
ovvero i campionati mondiali di hockey su carrozzina elettrica

La Fondazione Allianz UMANA MENTE ha sostenuto gli IWAS Powerchair Hockey World Championship, ovvero i campionati mondiali di hockey su carrozzina elettrica promossi della Federazione Italiana Wheelchair Hockey (F.I.W.H.), che si sono tenuti a Lignano Sabbiadoro dal 24 settembre al 01 ottobre 2018. L’ambito di riferimento è lo sport paraolimpico a livello agonistico e, in particolare, la promozione di un’attività sportiva ad alto livello per persone con disabilità. All’evento hanno partecipato 8 nazioni: Italia, Olanda, Germania, Belgio, Danimarca, Svizzera, Australia e Canada. La squadra italiana si è aggiudicata il primo posto, portando a casa la prima Coppa del Mondo di questa specialità.

Guarda lo streaming del Finale:


FINAL 1st – 2nd: Danimarca - Italia


Come di consueto, nelle sue attività La Fondazione Allianz UMANA MENTE ha deciso di farsi parte attiva di questa iniziativa offrendo anche ai dipendenti del Gruppo Allianz S.p.A. l’opportunità di diventare reali protagonisti dell’evento, in qualità di volontari, andando a sostenere le esigenze delle squadre paralimpiche presenti e l’intera organizzazione. I dipendenti, che hanno colto questa opportunità hanno inoltre potuto sfidare in una gara alcuni dei professionisti di Wheelchair Hockey. L’esperienza dei giocatori paralimpici ha avuto la meglio sulla squadra di Allianz Italia. I volontari, tuttavia, nonostante la sconfitta, sono tornati a casa con un ricco bagaglio emotivo personale.

Guarda lo streaming della partita amichevole dei volontari del Gruppo Allianz S.P.A.


FREINDLY MATCH: Volunteers – Rest of the World

 

Federazione Italiana Wheelchair Hockey (F.I.W.H.)


La Federazione Italiana Wheelchair Hockey opera nel settore sportivo in riferimento alla promozione e gestione della disciplina paralimpica di riferimento ovvero l’hockey in carrozzina elettrica. La Federazione Italiana Wheelchair Hockey (FIWH) ha lo scopo di avviare alla pratica sportiva dell’hockey su carrozzina elettrica le persone con gravi disabilità motorie anche progressive. Costituita nel 2003, nello stesso anno ottiene il riconoscimento della Federazione Italiana Sport Disabili, oggi Comitato Italiano Paralimpico (CIP); la FIWH subentra alla Wheelchair Hockey League, costituita, con i medesimi scopi, all’inizio degli anni ’90 da un gruppo di atleti collegati alla Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (U.I.L.D.M.). Il wheelchair hockey, nato in Olanda, approda in Italia grazie ai continui scambi di conoscenza inerenti gli aspetti sanitari e sociali della distrofia muscolare con questo paese. In questi anni, la crescita dimensionale del “movimento” è stata così elevata da portare la realtà italiana ad essere il secondo campionato per numero di squadre di partecipanti dopo quello olandese. Il riconoscimento di questa realtà ha anche portato l’Italia a far parte del movimento internazionale che regola l’hockey su carrozzina elettrica nel mondo ovvero l’I.C.E.W.H. (International Committee Electric Wheelchair Hockey) oggi conosciuta come I.P.C.H. (IWAS PowerChair Hockey). Se le possibilità di praticare sport per persone affette da patologie che costringono sulla sedia a rotelle non sono poi così remote, per alcune patologie degenerative queste possibilità si riducono notevolmente. Il Wheelchair Hockey consente anche a persone totalmente prive di mobilità e forza residua di applicare schemi, di partecipare coralmente all’azione di gioco con tutti i benefici sia psicologici che di motivazioni che ne conseguono. Per molti di loro lo sport rappresenta una condizione di aggregazione con persone soggette alle medesime difficoltà, un momento di scambio motivante e costruttivo che occupa e coinvolge trasformandosi in una vera e propria ragione di vita: è ciò che li porta fuori dalle loro case, gli permette di viaggiare, conoscere persone, città, paesi e realtà nuovi. Sono atleti speciali perché ogni giorno si sobbarcano impegni fisicamente al di là delle loro possibilità per essere presenti, per esultare ad ogni gol. Il nostro impegno maggiore è far sì che sempre più atleti possano esultare, possano sentirsi parte di un gruppo forte, coeso e in continua crescita. La Federazione Italiana Wheelchair Hockey conta oggi circa 30 squadre affiliate, 320 atleti, 200 dirigenti e 50 arbitri, 10 classificatori per un totale di circa 570 tesserati. Le squadre sono presenti su gran parte delle regioni del territorio nazionale tuttavia alcune zone specie del sud Italia sono scoperte. Da anni l’obiettivo primario della Federazione è quello di poter trovare il modo e le risorse da poter destinare alla promozione del nostro sport anche in quelle aree e territori in cui non esistono squadre al fine di offrire una nuova possibilità alle persone disabili che vivono nella zona. Ogni anno si svolgono 2 Campionati Nazionali di Wheelchair Hockey: la serie A1 e la serie A2 entrambi divisi in stagione regolare e fasi finali. La prima, composta da 12 squadre divise in due gironi serve a decretare le due squadre di ogni girone che accedono alle Fasi Finali per contendersi il titolo di Campione d'Italia. La seconda, composta in genere da 18 squadre divise in 4 gironi, serve a decretare le due squadre che vengono promosse in A1. La stagione regolare è composta da circa 130 partite svolte su tutto il territorio nazionale da ottobre ad aprile secondo un canonico calendario che prevede andata e ritorno per ogni gara cui si aggiungono le gare che compongono le fasi finali. Oltre al campionato la Federazione organizza la Coppa Italia in collaborazione con UILDM, la Super Coppa Italiana e si prende cura direttamente del reclutamento, della formazione e dell’aggiornamento del Settore Nazionale Arbitri e del Comitato di Classificazione FIWH. La Nazionale Italiana di Wheelchair Hockey è la massima espressione del movimento, ha partecipato fino ad ora a tutte le competizioni europee e mondiali fin qui svoltisi. Da ricordare i terzi posti agli Europei 2005 e 2008 e il recente secondo posto ottenuto al Campionato Europeo 2016.