Warning: You are using an outdated Browser, Please switch to a more modern browser such as Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Finanziari

16/02/2018

Allianz registra solidi risultati nel 2017 e propone un aumento dei dividendi del 5%

  • Aumento dei ricavi totali 2017 del 3,0% a 126,1 miliardi di euro
  • Incremento dell'utile operativo 2017 dello 0,4% a 11,1 miliardi di euro
  • L’utile netto attribuibile agli azionisti nel 2017 diminuisce del 2,3% a 6,8 miliardi di euro
  • La vendita di OLB, le modifiche fiscali negli USA, le oscillazioni dei cambi e una serie di calamità naturali hanno avuto un impatto una tantum sui risultati del 4° trimestre
  • Nel 2017 i flussi netti in entrata su attivi di terzi hanno raggiunto la cifra record di 150 miliardi di euro, portando le masse di terzi in gestione a 1.448 miliardi di euro
  • Il Solvency II capitalization ratio al 229% a fine 2017 dal 218% di fine 2016
  • Il Board of Management propone un aumento del dividendo del 5,3% a 8,00 euro per azione dai 7,60 euro per azione del 2016
  • Allianz è sulla buona strada per realizzare gli obiettivi triennali della Renewal Agenda
  • I ricavi totali nel 4° trimestre 2017 segnano una crescita del 5,6% a 31,7 miliardi di euro, l'utile operativo scende dell'8,0%, a 2,8 miliardi di euro

Management Summary: forte crescita del business ed elevato Solvency ratio nel 2017

Il Gruppo Allianz ha registrato forti risultati nell'esercizio 2017, grazie soprattutto alle migliorate performance dell’Asset Management e del segmento Vita/Malattia. I ricavi totali del Gruppo nell'esercizio sono aumentati del 3,0% a 126,1 miliardi di euro (2016: 122,4 miliardi), grazie a miglioramenti in tutti i segmenti di business. L'Utile operativo per il 2017 ha registrato un lieve incremento dello 0,4% a 11,1 miliardi di euro (2016: 11,1) collocandosi decisamente nella fascia superiore del target range annunciato dal Gruppo, di 10,3 - 11,3 miliardi di euro. Il settore Danni ha evidenziato un calo dell'utile operativo del 7,5%, essenzialmente riconducibile a un aumento dei sinistri per catastrofi naturali nel 2017, l'anno più costoso di sempre per l’industria assicurativa. I sinistri dovuti agli incendi in California, agli uragani Harvey, Irma e Maria, oltre che alle tempeste avvenute in Europa e ad altre catastrofi naturali, nell'esercizio sono saliti a 1,1 miliardi di euro (2016: 0,7). L’utile netto attribuibile agli azionisti nel 2017 è sceso del 2,3% a 6,8 miliardi di euro (6,96), per effetto dell’impatto delle modifiche fiscali USA e della cessione di Oldenburgische Landesbank (OLB).