Attenzione: stai utilizzando un browser obsoleto, passa a un browser più moderno come Chrome, Firefox o Microsoft Edge

Compagnia

16/05/2018

Lavoro Agile: in Allianz Italia il lavoro è sempre più smart

  • Per il quinto anno consecutivo, la Compagnia guidata dall’Amministratore Delegato Giacomo Campora è partner dell’iniziativa promossa dal Comune di Milano
  • Attualmente 400 dipendenti, che da giugno saliranno a 600, lavorano da casa per il 50% del loro tempo lavorativo

Allianz Italia, la Compagnia assicurativa guidata dall’Amministratore Delegato Giacomo Campora, rinnova per il quinto anno consecutivo la propria adesione all’iniziativa dedicata al Lavoro Agile promossa dal Comune di Milano con il supporto di diversi partner. L’iniziativa, nata come singola “Giornata del Lavoro Agile”, nel 2017 è stata prolungata in una intera “Settimana del Lavoro Agile”, che quest’anno cade dal 21 al 25 maggio.

 “Le pratiche di lavoro agile o a distanza introducono nuove modalità organizzative flessibili, che possono incrementare la produttività, agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, oltre a permettere all’azienda alcuni vantaggi in termini logistici – spiega Maurizio Devescovi, Direttore Generale di Allianz Italia. – Allianz, front-runner nella creazione di un ecosistema digitale a favore dei suoi clienti e agenti, ha investito importanti risorse anche nello sviluppo di un Employee Digital Workplace. Questa dotazione non solo si integra perfettamente con le avanzate infrastrutture tecnologiche della Torre Allianz, il quartiere generale di Milano occupato da 2.800 persone, e della sede di Trieste, in corso di ristrutturazione, ma permette anche di lavorare in mobilità.

Abbiamo dato un forte impulso a questo nuovo modo di operare: attualmente 400 colleghi lavorano in smart working, per ben il 50% del loro tempo lavorativo, alternandosi alla postazione di lavoro in sede con un collega. Da giugno, a loro si aggiungeranno altre 200 persone e nel corso del 2019 i fruitori potrebbero aumentare ulteriormente. Due anni fa, in fase sperimentale, si trattava di sole 60 persone e per un limitato periodo del loro tempo lavorativo
”.