Attenzione: Stai utilizzando un browser obsoleto. Per favore passa ad un browser più moderno come Chrome, Firefox o Microsoft Edge.

Compagnia

14/04/2019

Allianz Vertical Run 2019: alla gara dei record trionfano i campioni internazionali Piotr Lobodzinski e Suzy Walsham

  • La Torre Allianz, il grattacielo più alto d’Italia con i suoi 50 piani, è stata conquistata in un tempo record di 5’ e 16” da Piotr Lobodzinski e in 6’ e 12’’ da Suzy Walsham
  • Maurizio Devescovi, Direttore Generale di Allianz S.p.A., ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti per il successo dell’Allianz Vertical Run, che quest’anno è ricca di novità importanti. Abbiamo inserito la Torre Allianz nel circuito mondiale di corse in verticale, richiamando così molti tra i migliori atleti al mondo
  • Presenti, tra i circa 500 runner in gara, i più forti skyrunner al mondo classificati tra i “top 10” del ranking internazionale Vertical World Circuit

Grandi emozioni per la seconda edizione dell’Allianz Vertical Run, la corsa verticale alla conquista del tetto di Milano e d’Italia, che si è svolta oggi all’interno delle scale della Torre Allianz, sede milanese del gruppo assicurativo-finanziario guidato in Italia dall’Amministratore Delegato di Allianz S.p.A. Giacomo Campora.

L’Allianz Vertical Run, che da quest’anno è la seconda tappa ufficiale del Vertical World Circuit 2019, il circuito mondiale di corse in verticale, è stata vinta dal polacco Piotr Lobodzinski nella categoria maschile e dall’australiana Suzy Walsham nella categoria femminile.

Piotr Lobodzinski e Suzy Walsham si sono aggiudicati il titolo di campione e campionessa assoluti dell’Allianz Vertical Run, valido per il VWC, con tempi record: 5’ e 16’ nella gara maschile e 6’ e 12’’ nella gara femminile, battendo i risultati del 2018 ottenuti nella prima edizione della gara verticale milanese (5’ e 32’’ M -  6’ e 44’’ F).

I campioni si sono misurati con ben 494 atleti professionisti, tra cui i “top 10” del ranking Vertical World Circuit, affrontando 49 piani dei 50 totali del grattacielo più alto d’Italia, e un dislivello di circa 200 metri per 1.027 gradini.