21/02/2020

Comunicato sui risultati trimestrali e per l’intero esercizio 2019

Allianz comunica un utile operativo di 11,9 miliardi di euro nel 2019 – il quinto aumento consecutivo

 

  • Crescita interna dei ricavi, pari al 5,9%, nel 2019
  • L’utile operativo del 2019, attestatosi a 11,9 miliardi di euro, rientra nella metà superiore del target range dell’esercizio
  • L’utile netto attribuibile agli azionisti cresce nel 2019 del 6,1%, attestandosi a 7,9 miliardi di euro; l’utile per azione (EPS) aumenta dell’8,4% fino a raggiungere un valore record di 18,90 euro; robusto Return on Equity (RoE) del 13,6%
  • Solvency II capitalization ratio al 212% alla fine del 2019, con un aumento di 10 punti percentuali rispetto alla fine del terzo trimestre 2019
  • Il dividendo proposto dal Board of Management cresce del 6,7% a 9,60 euro per azione, facendo segnare il settimo aumento consecutivo
  • È stato annunciato un nuovo programma di riacquisto di azioni proprie, per un importo massimo di 1,5 miliardi di euro
  • Nel quarto trimestre 2019 si è avuta una crescita interna dei ricavi del 5,5%, un utile operativo stabile a 2,8 miliardi di euro e un aumento dell’utile netto attribuibile agli azionisti del 9,5%, a 1,9 miliardi di euro
  • Target range di utile operativo del 2020 a 12,0 miliardi di euro, ± 500 milioni di euro, con un incremento del 4,3% rispetto all’obiettivo precedente, salvo eventi, crisi o calamità naturali imprevisti
  • Allianz è sulla buona strada per realizzare gli obiettivi della Renewal Agenda 2.0

 

Management Summary: l’utile operativo più alto nella storia di Allianz

Nel 2019, il Gruppo Allianz ha conseguito risultati eccezionali in termini di ricavi, utile operativo e utile netto, nonostante un’ulteriore discesa dei tassi di interesse. La crescita interna dei ricavi, che tiene conto degli effetti dei tassi di cambio e di consolidamento, è stata pari al 5,9% ed è stata sostenuta da tutti i settori di attività. I ricavi totali sono cresciuti del 7,6% a 142,4 miliardi di euro (2018: 132,3). L'utile operativo ha registrato un incremento del 3,0%, raggiungendo quota 11,9 miliardi di euro (11,5), che si colloca nella fascia superiore del target range annunciato dal Gruppo, di 11,0 - 12,0 miliardi di euro. La crescita dell’utile operativo è stata trainata principalmente dal business Vita/Malattia per via di un maggiore margine da investimenti, un utile straordinario registrato negli Stati Uniti e la crescita dei volumi. Anche il comparto Asset Management ha fatto segnare una crescita sostenuta dell’utile operativo, grazie a una media più elevata delle masse gestite per conto terzi (AuM) ed effetti di cambio favorevoli. Il business Danni  è stato impattato da minori run-off, a causa di un rafforzamento delle riserve in AGCS, e minori redditi operativi da investimenti; ciò è stato parzialmente compensato da un miglioramento dell’expense ratio. L’utile netto attribuibile agli azionisti è cresciuto del 6,1%, attestandosi a 7,9 miliardi di euro (7,5), principalmente per via dell’aumento dell’utile operativo e del miglioramento del risultato non operativo, così come della riduzione del carico fiscale.

Nel 2019, il Basic Earnings per Share (EPS) è cresciuto dell’8,4%, fino ad attestarsi a un valore record di 18,90 euro (17,43). Il Return on Equity (RoE) è salito al 13,6% (13,2%), il livello più elevato degli ultimi dieci anni. Il Solvency II capitalization ratio si è attestato al 212% a fine 2019, rispetto al 229% a fine 2018. Il Board of Management proporrà per il 2019 un dividendo di 9,60 euro per azione. Ciò rappresenta un valore del 6,7% superiore rispetto al dividendo dell’ultimo esercizio, pari a 9 euro, oltre ad essere il settimo incremento consecutivo.

Allianz ha completato il suo quarto programma di riacquisto di azioni proprie il 30 luglio 2019, con un volume di 1,5 miliardi di euro, pari a 7,3 milioni di titoli. Tutte le azioni oggetto di riacquisto sono state annullate. Il 20 febbraio 2020, Allianz ha annunciato un nuovo programma di riacquisto di azioni, con un volume di 1,5 miliardi di euro, che si prevede verrà completato entro fine anno.

Il 70% delle aziende del Gruppo a livello mondiale ha ottenuto un Net Promoter Score (NPS) al di sopra della media del mercato, contro il 74% dell’anno precedente. L’Indice di Meritocrazia inclusiva (IMIX), che valuta leadership e cultura di performance, ha raggiunto nel 2019 il valore record del 73%.

“Il 2019 è stato un altro anno molto positivo, con risultati record per il Gruppo Allianz. Tutto questo è stato possibile grazie alla fiducia di clienti e azionisti, oltre che all’impegno del nostro eccellente team. Nel 2019 Allianz ha mosso importanti passi avanti in termini strategici, come le acquisizione effettuate nel Regno Unito e in Brasile e l’essere diventata la prima holding assicurativa in Cina a capitale completamente straniero. Abbiamo anche fornito il nostro contributo alla società: essendo tra i fondatori della recente iniziativa Asset Owner Alliance promossa dalle Nazioni Unite, ci siamo impegnati a passare a portafogli di investimento di asset propri a zero emissioni nette entro il 2050”, ha dichiarato Oliver Bäte, Chief Executive Officer di Allianz SE.

Nel quarto trimestre del 2019, l’utile operativo ha raggiunto 2,8 miliardi di euro (2,8). L’irrobustimento delle riserve in AGCS ha portato a una riduzione dell’utile operativo del business Danni, in gran parte compensata da incrementi nei comparti Vita/Malattia e Asset Management. L’utile operativo del segmento Vita/Malattia è aumentato principalmente per via di un migliore margine da investimenti. La crescita sostenuta del comparto Asset Management è attribuibile in via preponderante a un incremento delle masse gestite per conto terzi (AuM), dei ricavi da esse trainati e delle commissioni di performance. L’utile netto attribuibile agli azionisti è cresciuto del 9,5%, attestandosi a 1,9 miliardi di euro (1,7) nel quarto trimestre del 2019 grazie a un miglioramento del risultato non operativo.

“Il 2019 è stato per Allianz un anno di grande successo, con un utile operativo pari a 11,9 miliardi di euro, che si attesta all’interno della fascia alta del target range annunciato dal Gruppo”, ha dichiarato Giulio Terzariol, Chief Financial Officer di Allianz SE. “La gestione attiva del rischio ha portato a un solido Solvency II capitalization ratio del 212%, che attesta la resilienza del Gruppo nel quadro attuale di tassi di interesse negativi e che rappresenta un solido rifugio per clienti e azionisti. Nel 2020 puntiamo a generare 12 miliardi di euro di utile operativo, ± 500 milioni di euro, salvo eventi, crisi o calamità naturali imprevisti.”